Professionisti della nutrizione: dalla strategia al piano marketing ~ Be-Well|Ben-Essere
1302
post-template-default,single,single-post,postid-1302,single-format-standard,tribe-no-js,ajax_updown_fade,page_not_loaded,,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-16.8,qode-theme-bridge,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-5.5.2,vc_responsive
 

Professionisti della nutrizione: dalla strategia al piano marketing

Lo specialista della nutrizione è spesso poco propenso a riflettere sulla propria strategia di marketing.

Competenza è l’unica parola d’ordine. Tutto il focus è centrato sulla formazione, sull’aggiornamento, sulla ricerca di strumenti e software all’avanguardia.

Ma che succede se tutta questa competenza e conoscenza non incontra i bisogni dei pazienti?

O meglio, cosa accade se il potenziale paziente non riesce a cogliere la qualità del servizio che offri, o la differenza tra il tuo servizio e quello di qualche centro che promuove attività simili?

Tutto quello che puoi offrire insieme alla tua competenza non vengono riconosciute, né tanto meno valorizzate.

E in una società dove i potenziali pazienti sono sempre più selettivi, informati, e troppo spesso frustrati da una qualità di servizio e garanzie di risultati scarse, è strategico per i nutrizionisti che intraprendono la libera professione gestire con più efficacia il proprio marketing.

Ciò diventa ancora più urgente se si considerano le informazioni e le diete veicolate da professionisti che si improvvisano esperti, pur non essendo adeguatamente formati per occuparsi di educazione alimentare.

Contare sul solo passaparola oggi non basta più. O meglio, richiede tempi talmente lunghi da rivelarsi insufficiente per garantire una certa stabilità nel lavoro.

Molti sono i professionisti che oggi intraprendono l’attività senza una strategia precisa dei servizi offerti e di come intendono comunicarli agli utenti. Rincorrono i pazienti, i poliambulatori, i continui aggiornamenti e perfezionamenti e presto si accorgono che una laurea in scienze dell’alimentazione o dietistica non è più sufficiente per intraprendere la libera professione. La competenza scientifica non basta se non ci si prende cura anche della qualità del servizio percepito dall’utente. 

In un mercato saturo di proposte e sempre più concorrenziale serve valorizzare la figura del dietista e del nutrizionista impegnandosi per primi della propria strategia di marketing.

Come?

Iniziando a porsi qualche domanda.

La prima: ti sei mai chiesto in che cosa ti differenzi nel servizio che offri?

Perché un paziente dovrebbe scegliere proprio te  e non una nutrizionista poco lontano?

Differenziarsi significa stabilire dal principio qual è il tuo valore aggiunto. Solo dopo averlo definito, si può pianificare la propria strategia di marketing.

 

Ecco quindi una breve guida per diventare più consapevole di come vuoi gestire la tua strategia di marketing:

 

1 – In che cosa ti differenzi? Stabilisci 2-3 qualità o peculiarità del tuo servizio e del tuo modo di lavorare con il paziente che ti rendono unico

2 – Quali sono i tuoi prossimi obiettivi professionali? Indicane al massimo 3 e sii molto specifico

3- Per gli obiettivi indicati, stabilisci le priorità e i termini di tempo entro i quali intendi raggiungerli

4 – Ora che hai le idee più chiare, individua un piano d’azione per ottimizzare i risultati.

 

Tutto qui?

Assolutamente no!

Un buon piano di marketing inizia con un’ottima pianificazione strategica e si perfeziona con il monitoraggio dell’andamento.
Solo così potrai verificare se la strategia sperimentata è efficace, o merita qualche aggiustamento!