Far crescere l'attività è questione di strategia ~ Be-Well|Ben-Essere
1647
post-template-default,single,single-post,postid-1647,single-format-standard,tribe-no-js,ajax_updown_fade,page_not_loaded,,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-16.8,qode-theme-bridge,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-5.5.2,vc_responsive
 

Far crescere l’attività è questione di strategia

Sono giorni in cui si respira aria di vacanza. E indipendentemente come e dove si trascorra questo periodo, per molti è quello in cui si stacca la spina. E si fa il punto della situazione.

Dunque, come è andata l’attività fino ad oggi?

Quanto è allineata alle aspettative che nutrivi?

Se potessi, cosa ti piacerebbe modificare della gestione della tua attività?

L’attività dello specialista della nutrizione con partita IVA porta con sé non solo conoscenze e competenze tecniche, ma anche strategie necessarie per far conoscere i propri servizi e posizionarsi nel proprio mercato di riferimento.

A seconda della strategia utilizzata variano:

  • la visibilità dei propri servizi,
  • la tipologia di utenti,
  • la qualità percepita del servizio
  • i costi di gestione dell’attività (ad esempio gli investimenti per l’acquisto di beni strumentali, per l’affitto dello studio, per la formazione e le consulenze, …)
  • il fatturato prodotto

Nell’attività di consulenza con dietisti e nutrizionisti liberi professionisti emerge la tendenza a dare per scontato il piano di sviluppo della propria attività: costi di gestione, strategie di marketing, tipologia di utenti, volume di fatturato sono più spesso il risultato della reazione del professionista alle circostanze che quello della concretizzazione di un piano pensato e attuato in funzione di specifici obiettivi.

Lavorando in un mercato in costante crescita dove l’offerta di servizi simili è più che raddoppiata negli ultimi anni, una gestione che manca di un piano strategico rischia di costringere il professionista a procedere per prove ed errori, aumentando il rischio di rifare più volte lo stesso lavoro (ne è un esempio il lavoro che si fa con il grafico quando si prepara un sito non allineato alle aspettative), di investire male le proprie risorse, di allungare i tempi necessari per perseguire gli obiettivi desiderati (quando questi vengano definiti, e anche questo non è scontato).

Dunque cosa fare?

Pianificare la propria strategia di sviluppo dell’attività che descriva:

  • I propri obiettivi
  • Gli utenti target e l’offerta di servizi
  • Il budget di spesa e gli investimenti richiesti
  • La propria strategia di marketing per rendersi visibili nel mercato di riferimento.

Si può lavorare senza un piano specifico, nè una strategia per attuarlo. Accettando i risultati che si raccolgono lungo il cammino e augurandosi di aver la fortuna di trovarsi al posto giusto, al momento giusto e con le persone giuste per approfittare di qualche buona occasione.

Oppure nella libertà di gestione di una libera professione, si possono esprimere e definire quali sono gli obiettivi veramente importanti da perseguire, per definire così le azioni necessarie per implementare il piano di sviluppo dell’attività, in linea con i propri valori e i progetti nella propria vita professionale e personale.

Se vuoi scoprire di più sulla consulenza e la formazione dedicata a questo tema, contattaci a info@be-well.it